Archivio tag: Teatro alla Scala

I cantanti d’Opera sapevano recitare anche prima della Callas

Netrebko Chenier

Ieri la RAI ha trasmesso in diretta l’apertura della stagione lirica milanese. Durante l’intervallo i presentatori hanno scambiato due chiacchiere con alcuni ospiti nel foyer, i quali ovviamente sono stati prodighi di complimenti nei confronti dei cantanti. Ne hanno sottolineato in particolare le doti interpretative e una di loro (ignoro chi fosse, ma non ha alcuna importanza) ha detto una frase che mi ha colpito: “Una volta i cantanti dovevano solo saper cantare, dopo la Callas devono essere anche dei bravi attori!”.

Non è la prima volta che sento questa sciocchezza e vorrei spendere due parole per dimostrare perché di sciocchezza si tratta. Per farlo ho chiesto l’aiuto di Gianguido Mussomeli – altresì noto col nome d’arte di mozart2006 – giornalista, conferenziere e più in generale uno che di ‘ste cose ne sa a pacchi. Insieme abbiamo raccolto alcuni esempi di come la recitazione sia sempre stata un’arte importante per i cantanti d’Opera, ben prima dell’epoca moderna e ben prima dell’esordio dell’ottima Maria Callas.
Continua a leggere

Sul concetto di “raccomandazione”

Raccomandazione

PHILIP*: Tu eri un umile ma stimato professore di economia a Princenton.
ROGER**: Sì! Gli studenti sedevano ai miei piedi e godevano della mia saggezza.
PHILIP: Il Socrate delle matricole!
ROGER: Poi lei mi ha sventolato cinquantamila dollari all’anno sotto il naso e a mia perpetua vergogna ho accettato! E, non contento di questo, ogni anno lei continua a umiliarmi aumentandomi lo stipendio!
PHILIP: Certo, è imperdonabile. È come versare del sale su una ferita.
ROGER: E a Natale mi ha fatto diventare azionista della compagnia. Ma perché vuole annientarmi?
PHILIP: È la mia naturale perversità, credo.

*Miliardario e playboy, interpretato da Cary Grant
**Suo dipendente e portaborse, interpretato da Gig Young

(“Il visone sulla pelle”, 1962)

In questi giorni si sta facendo un gran parlare del mondo dello spettacolo e del marcio in esso contenuto. Attrici raccomandate, produttori approfittatori, aiuto registi ruffiani e chi più ne ha più ne metta. Come al solito, c’è chi fa di tutta l’erba un fascio arrivando a dire che non c’è un solo artista che per poter lavorare non abbia fatto un favore a qualcuno. Ho deciso di cogliere l’occasione per trattare un argomento che credo stia a cuore un po’ a tutti, ovvero la raccomandazione. Continua a leggere

Monteverdi e noi

Monteverdi

Il 9 maggio del 1567, esattamente 450 anni fa, nacque uno dei fondatori del teatro lirico: Claudio Monteverdi.
Come redattore di un giornale che parla di musica, ma ancora di più come autore di teatro musicale, non potevo esimermi dallo scrivere qualcosa per l’occasione.

Iniziai a pensare al da farsi già un anno fa. Dapprima pensai di realizzare una vera e propria settimana di Monteverdi, proponendo ogni giorno una delle sue le opere pervenuteci in forma completa. Un’idea che ho scartato quasi subito: ci sono divulgatori molto più bravi di me per quello, anche se non hanno molta voglia di agire, almeno stando a quanto affermato qualche settimana fa da Rinaldo Alessandrini (e se lo dice lui c’è da crederci). Io al massimo posso invitarvi ad armarvi di CD e DVD per organizzare un mini-festival nel salotto di casa vostra in compagnia di tutti gli amici che vorranno unirsi a voi. Tutti e due.
Quello che voglio proporvi oggi è piuttosto un articolo molto personale, che non riguarda me come articolista quanto come autore e spettatore.
Continua a leggere

La privatizzazione della cultura è il demonio?

Vuoi per le recenti vicende veronesi, vuoi per il dibattito sulle attività culturali attualmente in corso in parlamento, in questi giorni si fa un gran parlare riguardo all’eventualità che quello della Lirica diventi un settore sempre più dipendente dai privati.

Premetto che secondo me il settore pubblico andrebbe sostenuto il più possibile, specie quando parliamo di cose basilari quali la scuola, la cultura (che checché se ne dica è una cosa assolutamente basilare), l’acqua o la sicurezza.
Tuttavia ogni volta che si parla di privatizzazione tutti si strappano i capelli e questo mi ha portato negli anni a chiedermi: l’iniziativa privata è davvero la morte della cultura? Continua a leggere

Milano città chiusa: perché non sono particolarmente entusiasta di EXPO Milano 2015

Palazzo Lombardia

“Milano è la città più europea del mondo. Neanche New York è così europea come Milano.”

(Claudio Bisio)

Mettiamo per un attimo da parte i ritardi, le mazzette, il lavoro non retribuito, il camouflage, le false promesse, gli sponsor improbabili e in generale tutte quelle cose che potrebbero farmi ricevere l’accusa (magari fondata) di essere un vecchio gufo scorbutico e disinformato.
Facciamo conto di vivere in un paese dove tutto funziona a meraviglia e che all’EXPO niente sia andato storto.
Vorrei spiegarvi perché, a prescindere da tutto, l’idea di una grande fiera mondiale da svolgersi a Milano non mi entusiasma. Continua a leggere

Se proprio volete fare le trasposizioni delle opere liriche, almeno fatele bene

Faocpc 1

Oggi voglio fare pubblicità gratuita e spudorata a uno dei blog che seguo. Si chiama “Doppiaggi italioti” e contiene “apprezzamenti e rimproveri al doppiaggio italiano”. È un sito che offre dei bellissimi spunti di riflessione riguardanti sia il doppiaggio che l’argomento “traduzione” in generale. Continua a leggere

“Fidelio” alla Scala

“Quest’anno riusciremo finalmente a vedere una prima scaligera degna di questo nome?” ci chiedevamo noi di OMC nell’ultimo articolo da noi pubblicato.

La risposta che possiamo dare dopo aver visto lo spettacolo è… Continua a leggere

Aspettando il “Fidelio”

Questa sera si aprirà la stagione lirica milanese con la rappresentazione del “Fidelio” di Beethoven.

Le ultime inaugurazioni del Teatro alla Scala sono state all’insegna del brutto.
Non solo. Nella loro bruttezza, sono state tutte inaugurazioni molto simili, tanto che potrei recensirle tutte insieme in pochi punti: Continua a leggere

I have a dream (che riguarda i teatri lirici italiani)

Lampadario Scala

Dal momento che abito a Bergamo, seguo ogni anno con attenzione la stagione lirica del Teatro Donizetti e qualcosina dei teatri del circondario (come il Coccia di Novara, il Regio di Torino o la Scala di Milano).
Ieri sera, in questo teatro, è andata in scena la prova generale della “Tosca”, con la regia di Ugo De Hana. “Pieno di giovani”, scrive “L’Eco di Bergamo”.
Questo non può che farmi piacere. Dirò tuttavia una cosa.
È davvero così eccitante assistere a una messa in scena della “Tosca”, opera senza dubbio bellissima ma rappresentata già mille e mille volte, trasmessa in televisione eccetera?
D’accordo… probabilmente parlo come un frequentatore abituale di teatri lirici, abituato a vedere questi titoli riproposti fino allo stremo. Ci sono anche spettatori, soprattutto giovani, che la “Tosca” l’hanno vista ieri sera per la prima volta (e anche questo non mi sembra un pensiero tanto incoraggiante). Continua a leggere

La disfatta della nazionale ai mondiali di calcio e quella dei teatri italiani

So cosa state pensando: “Che palle, siamo finiti a parlare di calcio anche qui. Ma non era un sito di musica?”.

Tranquillizzatevi, non ho intenzione di mettermi ad analizzare una prestazione calcistica senza averne le capacità tecniche. A differenza di molti miei compaesani, che quando si parla di calcio si professano espertissimi, io non parlo di cose che non conosco. Continua a leggere