Archivio tag: musicista

Produzione in diretta: le partite

È da un po’ di tempo che non mi occupo della rubrica “Produzione in diretta”. “Perché?” chiederete.
Ma come “perché?” mica posso fa’ tutto io qua, eh? C’è molta crisi! Voi lo sapete oggi a che ora mi sono alzato? Alle sette meno un quarto! La bambina ha ancora vomitato. E certo, quella je ha dato n’altra volta le olive ascolane con la nutella! [cit. guzzantiana]

In realtà il motivo principale di questa assenza è che il contributo dei vari autori teatrali si è rivelato parecchio scarso. Ricordo infatti che “Produzione in diretta”, prima di essere qualsiasi altra cosa, è soprattutto un esperimento sociale che punta a scoprire quanto gli autori italiani sono capaci di lavorare insieme a uno stesso soggetto. Almeno in questi primi mesi è saltato fuori che non ne sono capaci per niente: non ho ricevuto neanche un’idea musicale, scenografica, costumistica o registica e solo pochissimi consigli sul testo. Continua a leggere

Regole per una discussione costruttiva su musica e teatro

Regole

Siamo nell’era delle telecomunicazioni. Gli appassionati di musica e di teatro dovrebbero passare la vita a discutere con altri appassionati come se non ci fosse un domani. Invece questo non succede, in parte perché sono in pochi quelli a cui interessa discutere, in parte perché molte persone non si sono mai davvero fermate a chiedersi come si fa a discutere.

Ecco un elenco di accorgimenti da seguire se si vuole avere una discussione costruttiva. Continua a leggere

Ansia da Concerto: Come Superarla

Tutti, nella loro vita da musicisti, hanno dovuto affrontare (chi prima chi dopo) almeno un concerto. Si passa dalle terribili serate dove i genitori del malcapitato musicista in erba di 8 anni vogliono sfoggiare il giovane talento mozartiano di quest’ultimo, con tanto di frasi tipo: “Sarai il prossimo Allevi!” (mentre il giovanissimo pianista preferirebbe tagliarsi le dita piuttosto che sorbirsi tutta quella scenetta dopo aver eseguito una scala di do maggiore con tanto di settima dissonante) a concerti veri e propri, principalmente di fine anno ai quali il musicista è stato obbligato a partecipare per “fare numero”.  Continua a leggere