Archivio tag: Georg Friedrich Händel

Da Jordi Savall a Angelo Branduardi passando per Roberto Gini e Bianca Pitzorno

Risale a un paio di settimane fa la querelle tra Roberto Gini e Jordi Savall in merito allo stato attuale della musica antica. Qualcuno penserà che sia troppo tardi per pubblicare un articolo in merito ma, come si dice in questi casi, “posso farlo in fretta oppure posso farlo bene”. Continua a leggere

Sui fatti di Perinaldo

Il vescovo di Ventimiglia Sanremo Antonio Suetta, che fino all’altroieri era considerato un eroe da metà del Paese per essersi schierato qualche mese fa a favore dei richiedenti asilo, si è trasformato un orco divoratore di bambini dopo aver negato il permesso di eseguire alcuni brani di G. F. Handel durante un concerto che si terrà il 6 agosto nella chiesa di San Nicolò a Perinaldo (IM). Le pagine musicali in questione sono una suite della “Water Music”, un’altra tratta dalla “Music for the royal fireworks” e l’aria “Lascia ch’io pianga”. In risposta alle polemiche che ne sono seguite, il prelato ha dichiarato: Continua a leggere

Pochi mezzi, tante idee: “Vox Vitae”

VoxVitae1

Oggi parliamo di “Vox Vitae”, un’associazione relativamente giovane (è nata nel 2012) con sede a Porretta Terme (BO) che si occupa di riscoprire e divulgare pagine poco note della musica italiana, “dalle origini medievali al barocco del XVIII secolo”.

Ho intervistato per voi il presidente Giacomo Contro e il regista Lorenzo Giossi, che ha curato svariate loro produzioni tra cui l’oratorio “La caduta degli angeli” di Francesco Rossi, andato in scena il 4 settembre a Porretta Terme.
Continua a leggere

Cinema ed Autori: “Farinelli”

“Tu rimpiazzi l’ispirazione con il virtuosismo! Tutti questi ornamenti, queste fioriture che moltiplichi, queste complessità che gravano sulle partiture! Dimentica la mia voce, è tempo di pensare alla musica! Devi toccare cuori, trovare l’emozione giusta, essenziale. Vorrei che la tua musica facesse fremere quella parte di infinito che dorme dentro la gente. È questo che ti chiedo, Riccardo.”

(Carlo Broschi rivolto a suo fratello Riccardo)

Farinelli poster

In questa puntata di “Cinema ed Autori” parleremo di una produzione italo-francese incentrata sulla vita del più celebre cantante castrato di tutti i tempi: Carlo Broschi, in arte Farinelli.
Il film, dal titolo “Farinelli – voce regina”, uscì nel 1994, ebbe un discreto successo, tanto da guadagnarsi anche una nomination al premio Oscar come miglior film straniero. Continua a leggere

Musicisti che criticano altri musicisti

Di recente ho letto un consiglio di un musicista d’oltreoceano rivolto agli artisti emergenti.

Parlare male di altre band appartenenti alla vostra stessa scena non peggiora la loro reputazione, bensì la vostra.

Lì per lì sono rimasto allibito da questa frase che mi sembrava un invito ai giovani a leccare senza dignità alla ricerca di una spintarella. Affermazioni del genere ne ho sentite spesso ma non avevo ancora sentito nessuno dire una cosa simile pubblicamente. Continua a leggere

Il fatto che una regia faccia schifo non vuol dire che sia moderna

Come tutti sapete, si è da poco aperta la nuova stagione della Scala.
Una delle cose che mi ha maggiormente irritato dei commenti del giorno dopo è che, come spesso accade, i molti spettatori che hanno criticato lo spettacolo sono stati liquidati con l’accusa di essere dei tradizionalisti contrari alle regie moderne.

Mettiamo, quindi, in chiaro una cosa: quelli che hanno criticato questa regia non sono contro le regie moderne e, soprattutto, la Traviata di sabato non era moderna.
Non lo era così come non lo sono le regie della Föra da i Bal (o come accidenti si chiama), Callixto Bieito o altri registi i cui lavori sono semplicemente brutti e vengono spacciati per moderni. Continua a leggere