Archivio tag: concerto

Concentrazione prima di un concerto

Lo stato psicofisico in cui ci si trova prima di un concerto è senza dubbio un fattore determinante per la nostra performance, dove la concentrazione è sacra e non ammette disturbi. E’ un assunto ovvio se si pensa al ruolo che l’ansia gioca nell’esecuzione musicale: tremori, mani sudate, paura di sbagliare portano ad una scarna esecuzione priva di significato. Nella maggior parte degli individui l’ansia gioca un ruolo marginale in quanto non appena iniziano a suonare essa svanisce. Ci sono però eventi rari o ricorrenti in cui un “qualcosa” può disordinare l’equilibrio che si aveva e rovinare l’esecuzione. Continua a leggere

Ansia da musicista: visualizzazione per vincerla

Dopo il primo articolo riguardo all’ansia prima di un concerto e al metodo introspettivo per comprendere il problema ansiogeno con precisione, bisogna poi agire sulla propria psicologia in modo tale da superarlo.

In questo caso parliamo di un blocco psicologico causato dall’esibizione in pubblico con conseguente timore di errori eventuali.

Quando si ha paura di fare qualcosa di fronte a tanta gente è evidente che non c’è abbastanza confidenza in sé stessi. Questo è un problema più grande, che probabilmente non si limita alle sole esecuzioni musicali. Chi non ha molta fiducia nelle proprie capacità tende ad essere ansioso da ore a pochi minuti prima del concerto e il meccanismo che fa scattare l’attacco d’ansia è il terrore di sbagliare. Continua a leggere

Ansia da musicista: introspezione per gestirla

Con questo articolo inizia una serie dove parlo degli svariati metodi per gestire l’ansia da musicista. questo è il Primo Passo.

L’ansia prima di salire sul palco e suonare è molto comune. Non pensate poi che i musicisti “navigati” facciano parte di un’élite particolare che non provi ansia: quest’ultimo è il sentimento negativo più percepito nella nostra società.

Ovunque ci sono problemi, stress e pressioni che di certo non aiutano l’animo del musicista ad esprimere la sua arte. Come si può infatti fare un buon concerto se qualunque sentimento, emozione, intuizione e via dicendo sono coperti dalle tipiche farfalle nello stomaco? Talvolta per alcuni diventa un problema così grave che smettono di esibirsi o a distanze di mesi all’idea di suonare in pubblico iniziano a dare di matto. Continua a leggere

Ansia da Concerto: Come Superarla

Tutti, nella loro vita da musicisti, hanno dovuto affrontare (chi prima chi dopo) almeno un concerto. Si passa dalle terribili serate dove i genitori del malcapitato musicista in erba di 8 anni vogliono sfoggiare il giovane talento mozartiano di quest’ultimo, con tanto di frasi tipo: “Sarai il prossimo Allevi!” (mentre il giovanissimo pianista preferirebbe tagliarsi le dita piuttosto che sorbirsi tutta quella scenetta dopo aver eseguito una scala di do maggiore con tanto di settima dissonante) a concerti veri e propri, principalmente di fine anno ai quali il musicista è stato obbligato a partecipare per “fare numero”.  Continua a leggere