Archivio tag: Cecilia Bartoli

I cantanti d’Opera sapevano recitare anche prima della Callas

Netrebko Chenier

Ieri la RAI ha trasmesso in diretta l’apertura della stagione lirica milanese. Durante l’intervallo i presentatori hanno scambiato due chiacchiere con alcuni ospiti nel foyer, i quali ovviamente sono stati prodighi di complimenti nei confronti dei cantanti. Ne hanno sottolineato in particolare le doti interpretative e una di loro (ignoro chi fosse, ma non ha alcuna importanza) ha detto una frase che mi ha colpito: “Una volta i cantanti dovevano solo saper cantare, dopo la Callas devono essere anche dei bravi attori!”.

Non è la prima volta che sento questa sciocchezza e vorrei spendere due parole per dimostrare perché di sciocchezza si tratta. Per farlo ho chiesto l’aiuto di Gianguido Mussomeli – altresì noto col nome d’arte di mozart2006 – giornalista, conferenziere e più in generale uno che di ‘ste cose ne sa a pacchi. Insieme abbiamo raccolto alcuni esempi di come la recitazione sia sempre stata un’arte importante per i cantanti d’Opera, ben prima dell’epoca moderna e ben prima dell’esordio dell’ottima Maria Callas.
Continua a leggere

Cos’è una critica costruttiva?

Questo è uno di quegli articoli che nasce dal fatto che mi sono rotto le palle di parlare di musica e di teatro con gente che non è in grado di farlo in maniera seria.
Affronterò l’inflazionatissimo concetto di “critica costruttiva”, e dirò cose stranote alla maggior parte di voi (tanto da farvi rimpiangere lo “spazzatura nel portamondezza” di simpsoniana memoria) ma che a quanto pare è importante ribadire ogni tanto.

Ordunque, cos’è esattamente che rende una “costruttiva” una critica?
Prima di tutto sfatiamo un mito: “critica costruttiva” non significa “critica educata”. La buona creanza, il linguaggio forbito, la diplomazia e altre cose simili non contano NIENTE quando si tratta di muovere una critica.

Per il resto, la critica è costruttiva quando esprime un giudizio netto basandosi su un criterio valido, oggettivo e facilmente verificabile.
Ma credo che sia meglio spiegare la cosa con degli esempi. Prenderò quello di una famosa cantante amata da molti e da molti detestata. Continua a leggere