Musicisti che criticano altri musicisti

Di recente ho letto un consiglio di un musicista d’oltreoceano rivolto agli artisti emergenti.

Parlare male di altre band appartenenti alla vostra stessa scena non peggiora la loro reputazione, bensì la vostra.

Lì per lì sono rimasto allibito da questa frase che mi sembrava un invito ai giovani a leccare senza dignità alla ricerca di una spintarella. Affermazioni del genere ne ho sentite spesso ma non avevo ancora sentito nessuno dire una cosa simile pubblicamente.

In seguito, però, mi sono ricreduto. Non è per niente un atteggiamento professionale andare a dire in giro che uno che fa il tuo stesso lavoro non ti piace! Gettare fango sulla concorrenza non è per niente bello!

Se uno fa il musicista non può andare in giro a dire, per esempio, che l’insegnante di Rossini avrebbe dovuto picchiarlo di più per farlo diventare un bravo musicista, o magari che i concerti di Vivaldi sono tutti uguali.
Per non parlare di insulti veri e propri, per esempio… dire che Brhams era un bastardo senza dote musicale, Handel una botte di maiale e di birra o Lizst un moccioso viziato, sarebbe un agire da musicista invidioso senza talento.
È indegno di un vero musicista andare in giro a dire che se vuoi scrivere come Messiaen ti basta buttare un po’ di inchiostro a caso su un foglio!
O fare facili ironie, per esempio dicendo che la musica di Wagner ha dei buoni momenti ma dei brutti quarti d’ora.
Nessun musicista serio andrebbe in giro a dire che Ravel avrebbe fatto meglio a lavorare in un caseificio, o che Schönberg avrebbe fatto meglio a spalare la neve invece di scrivere musica.

Il gioco di squadra innanzitutto! Se vai in giro a parlare male dei tuoi colleghi non sei un professionista serio.

A proposito, le critiche sopra riportate provengono, nell’ordine, da: Beethoven, Stravinsky, Caikowskij, Berlioz, Clara Schumann, ancora Stravinsky, Rossini,  Saint-Saëns, R. Strauss.

I musicisti non se le mandano a dire.

I musicisti non se le mandano a dire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*