Crea sito

“Il barbiere di Siviglia” di Romano di Lombardia raccontata da una delle protagoniste

In: Recensioni Spettacoli

3 Jul 2017

Il 1 luglio la quarta edizione del Festival Rubini di Romano di Lombardia si è chiusa con la messa in scena de “Il barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini, a cui hanno preso parte alcuni dei partecipanti al concorso lirico annesso al festival (qui il racconto della finale).Segue il programma della serata.

IL BARBIERE DI SIVIGLIA

Melodramma buffo in due atti di Cesare Sterbini

Personaggi principali e interpreti:

Il conte di Almaviva: David Zacchigna*
Don Bartolo, dottore in medicina, tutore di Rosina: Giulio Alessandro Bocchi
Rosina, ricca pupilla in casa di Bartolo: Hiroko Morita*
Figaro, barbiere: Giacomo Contro*
Don Basilio, maestro di musica di Rosina, ipocrita: Haeyeol Ham*
Berta, vecchia governante in casa di Bartolo: Barbara Favali*

Scene a cura del Circolo Amici della Lirica di Romano

Coro Lirico di BergamoOrchestra “Fantasia in Re”
diretta da Luigi Ripamonti

Regia: Lorenzo Giossi

*Vincitori o partecipanti al Concorso Internazionale di Canto Lirico G. B. Rubini, preparati da Marzio Giossi (direttore artistico del concorso) e da Paola Romanò

Vengono sostituiti all’ultimo momento Im Sue, che avrebbe dovuto interpretare Rosina e Gabriel Wernick, che avrebbe dovuto interpretare Bartolo.Per l’occasione ho deciso di farmi raccontare questa messa in scena da un membro del cast: Barbara Favali, anche vincitrice del premio del pubblico dedicato alla memoria di Tarcisio Servidati e del terzo premio del concorso Rubini.Barbara Favali

Tu vieni dall’Emilia-Romagna. Come ti sei trovata a Romano di Lombardia?

Conoscevo già questo paese perché la mia insegnante di canto (Elena Bresciani; NdR) abita qui. Mi piace perché si organizzano molte attività musicali e la gente che ci abita mi sembra molto coinvolta.

Un parere sull’allestimento?
Non ho ancora lavorato con il regista personalmente ma le cose he ci ha anticipato mi sembrano interessanti. La scena sarà la riproduzione in scala di un modellino che costruirà Figaro con i suoi attrezzi da barbiere, è un’idea che mi è piaciuta. Nonostante il taglio surreale sembra che sarà una regia molto pulita.

Mi dicevi che non è la prima volta che interpreti questo ruolo.

No, ma ogni allestimento è diverso. C’è sempre tensione e il giorno che non ci sarà più sarà il momento di cambiare mestiere.

Mettere in scena un’opera come “Il barbiere di Siviglia” deve essere stato parecchio difficile, anche considerato che non avete certo avuto un mese di prove.

Sicuramente, e contando che alcuni dei cantanti debuttavano il ruolo, metterla in scena è stata una bella fatica! Ma devo dire che il risultato è stato molto buono, ci siamo impegnati tutti al massimo, trascorrendo le ore a libere a studiare e ripassare, provando fino a tardi (la prova generale è finita a mezzanotte!).
In questo campo i mezzi e i giorni di prove sono sempre meno ma le aspettative sono sempre alte. Io la mia gavetta sul palcoscenico l’ho fatta lavorando con una compagnia di operetta (ho iniziato che studiavo ancora in conservatorio) e questo mi è stato d’aiuto per imparare a cavarmela con poche prove, pochi mezzi, ma mettendo sempre in scena ottimi spettacoli, oltre ad avermi permesso di cantare in un discreto numero di teatri, dai teatri comunali ai teatri più piccoli.

Comment Form


*

About this blog

Benvenuto. Spero che per te questo sia un posto dove accrescerai la tua conoscenza o il tuo contatto emotivo con la musica, imparando ad apprezzarla, a suonarla e a trovare la felicità tramite essa. Buona navigazione.

Photostream

  • Online Music Class: Elena, anzitutto vorrei segnalarti che sia sul telegraph che sul nytimes si è parlato dei contenuti [...]
  • elena: Anzitutto trovo vergognoso un titolo come questo. che afferma qualcosa che è solo un punto di vista [...]
  • FrancescoV: A questa. https://www.facebook.com/onlinemusiclass?fref=ts [...]
  • Hermes01: Ciao Francesco. Ci sono svariati gruppi e pagine Online Music Class. A quale corrisponde quello su c [...]
  • FrancescoV: Ciao, Hermes. Il sito non è mio, io ci scrivo soltanto. Però se vuoi contattarmi puoi cercarre "On [...]