Archivio mensile:gennaio 2014

L’omaggio ad Abbado del Teatro alla Scala

Sarà che sono relativamente giovane, per essere un ascoltatore di musica classica, e a certe cose non ci sono abituato, sarà che crescendo in campagna tra “i saggi ignoranti” non sono mai diventato particolarmente cinico, ma il concerto in onore del maestro Abbado di ieri pomeriggio mi ha colpito molto.

È uno spettacolo molto toccante quello della folla (ottomila persone, mi hanno detto) radunata in Piazza della Scala mentre il teatro, vuoto, libera come un enorme carillon le note della Marcia Funebre della Sinfonia n. 3 di Beethoven, detta “Eroica”. Continua a leggere

Pochi mezzi, tante idee: “Un PIANO per il Volta”

Cari lettori, da qualche tempo noi di OnlineMusicClass vi stiamo trascurando. Avrete pensato che ci fossimo impigriti, ma non è così. In questo lasso di tempo abbiamo programmato l’apertura di due nuove rubriche.
La prima, che inauguriamo con questo articolo, è dedicata alle piccole iniziative musicali, quelle povere di mezzi ma portate avanti con entusiasmo. Ce ne sono moltissime in giro, ma quali sono quelle davvero valide? Il nostro sito le cerca per voi in giro per l’Italia e, quando trova qualcosa di buono, ve lo segnala.

Oggi parliamo dell’iniziativa di un liceo milanese, il Liceo Scientifico Alessandro Volta, che propone una vera e propria stagione musicale, dal titolo “Un PIANO per il Volta”, con artisti di tutto rispetto… ma non spingiamoci oltre: altri dettagli li trovate nell’intervista qui sotto.
Abbiamo infatti intervistato, a proposito dell’iniziativa, il prof. Marco Francioni, direttore artistico del progetto. Ecco che cosa ci siamo detti… Continua a leggere

È morto Claudio Abbado. Perché è una grande perdita

OnlineMusicClass non è un’agenzia di stampa. Non siamo così attrezzati da avere pronto un coccodrillo per occasioni come queste. Ci limiteremo a pubblicare qualche parola cercando di essere più sinceri possibile.

La morte di Abbado non ci ha colti particolarmente di sorpresa. Che le sue condizioni fisiche non fossero ottimali, si sapeva. Eppure guardandolo, sia sul palco che nelle apparizioni televisive, si vedevano sempre la stessa ingenuità e la stessa purezza che hanno sempre contraddistinto il suo lavoro. Continua a leggere